Archivi tag: Federico Malinverno

Un’amicizia che diventa realtà… #PREMIATETRATTORIEITALIANE

Standard

Dopo anni di amicizia (fidanzamento secondo alcuni) i soci fondatori delle Premiate Trattorie Italiane si sono dati appuntamento Lunedì 8 Maggio 2017 presso l’ufficio registri dell’agenzia delle entrate di Cremona per depositare l’atto costitutivo e registrare lo statuto ufficiale dell’associazione. Un passo importante volto alla salvaguardia, alla tutela e alla promozione del patrimonio gastronomico italiano nella sua interezza, complessità e varietà.

Capitanati dal Presidente Federico Malinverno, Sergio Circella (vicepresidente), Avgustin Devetak e Alberto Bettini (segretario) hanno compiuto questo passo con tanti obbiettivi e numerose prospettive.

Come si legge nell”articolo 2 dello statuto “L’Associazione persegue esclusivamente finalità di utilità sociale, con lo scopo di promuovere il patrimonio enogastronomico italiano, inteso come espressione della storia, delle tradizionidell’identità culturale del nostro Paese, nonché componente essenziale alla proposta turistica di qualità ed alla valorizzazione ambientale di particolari territori ricchi dal punto di vista paesaggistico/architettonico e caratterizzati da produzioni agricole/enogastronomiche di elevato livello qualitativo.”

D’ora in poi l’Associazione sarà aperta a tutti i proprietari di trattorie tipiche o di attività ristorative storicheradicate nel territorio d’appartenenza, che hanno ottenuto importanti riconoscimenti da parte della critica di settore e aventi caratteristiche consone al raggiungimento degli scopi sociali e che ne condividono le finalità e s’impegnano per la realizzazione delle stesse.

Questo processo è stato reso possibile grazie a CassaPadana, banca di credito cooperativo, e Studio Associato Franguelli-Girelli che hanno sostenuto e coadiuvato l’associazione in questa fase preliminare mettendo a disposizione le loro competenze, le loro risorse, i loro uffici e i loro strumenti.

Ora l’associazione guarda avanti e comincia a muovere i primi passi in vista del nuovo sito web (disponibile entro la fine dell’anno), della nuova brochure (prevista per luglio 2017) e della cena-evento nazionale fissata per il 3 Luglio a Savigno presso la Trattoria da Amerigo 1934. Un menu speciale porterà in scena tutte le associate raccontando la loro storia e i loro luoghi di provenienza (per informazioni e prenotazioni T. 051 6708326)

I soci non mancano di ringraziare tutti coloro (aziende, amici e giornalisti) che hanno favorito e creduto in quest’ambiziosa avventura!

 

Annunci

Al via la festa del Torrone di Cremona… appuntamento con il Caffè La Crepa

Standard

Sabato 26 Novembre, dalle ore 10:30, presso la Sala Ex Borsino di Via Solferino n° 2 a Cremona, il Caffè La Crepa, storico ristorante di Isola Dovarese (T. 0375 396161 – www.caffelacrepa.it ), propone una raffinata degustazione di un dessert al torrone Sperlari, ispirato ad una ricetta del Cuoco Ottocentesco Vincenzo Corrado. Tale preparazione, vuole festeggiare i 180 anni della nota azienda cremonese, leader nel settore dolciario.

La degustazione è gratuita e a numero chiuso. Per info e prenotazioni T. 030 9040334

Semifreddo, Sperlari, Caffè La Crepa, Gelateria, dessert

“Quando mi han chiesto di studiare un dolce per celebrare il 180° compleanno della Sperlari, ho messo in gioco tutte le mie forze, le mie competenze e la mia preparazione da Storico dell’Alimentazione laureato presso l’Università ALMAMATER di Bologna. Sono partito dal 1836 e sono arrivato al 2016. Nel 1836 nasce la Sperlari di Cremona. Nel 1836 muore Vincenzo Corrado. Chi era Vincenzo Corrado? Un cuoco (pugliese) di ruolo presso la corte di Napoli. Lui scrisse un celebre ricettario, prima in forma anonima e poi, visto il successo, in forma autografata dal titolo IL CUOCO GALANTE. Sfogliando le pagine di questo libro ho trovato una Crema al Torrone che ben si sposa con il semifreddo ideato per l’estate 2016 del Caffè La Crepa. Ecco il percorso: 1836 – 2016. Il semifreddo al torrone è un classico dolce della trattoria cremonese. Il torrone Sperlari trova vita nuova in questo dessert dal sapore fresco, mellifluo e avvolgente. La combinazione con il limoncello del Garda (proveniente dal PRA DE LA FAM di Tignale), ottenuto per infusione naturale in alcool delle scorze di limone coltivate in loco, dona un piacevole contrasto alla dolcezza del torrone. La crema, aromatizzata con cannella, coriandolo e scorze di cedro candito, rende esplosivo il mix di sapori al palato.

Neroli, Profumo, Abbianmento, Sommelier, Profumeria Tina Cremona, Sperlari, Caffè La Crepa, Festa del Torrone

Quale l’abbinamento ideale? Un profumo! Ecco, un profumo! Grazie all’interazione con Resa, titolare della Profumeria TINA di Cremona (in corso Campi, 75 T. 0372 35565 ), abbiamo individuato un mix di essenze (agrumi e spezie principalmente) che porta al naso tutte le caratteristiche e le peculiarità di questo dessert: si tratta del profumo Eau de Neroli di Dyptique, azienda profumiera di Parigi nota per i suoi profumi a base di essenze naturali . Odorare questo profumo durante l’assaggio rende indimenticabile l’esperienza e permette di portare con sé la voglia di una cucchiata di semifreddo al torrone!”

Così Federico Malinverno, maitre e sommelier del Caffè la Crepa di Isola Dovarese, anticipa l’evento del 26 Novembre 2016. Un interessante show-cooking precederà la degustazione e permetterà a tutti di riprodurre a casa una variante di questo speciale dolce che ripercorre la storia della Sperlari di Cremona!

For more infos: www.festadeltorrone.com

#ogliochiese… un territorio da scoprire

Standard

E’ fresco fresco il lancio ufficiale della guida “PAESAGGI DI CONFINE” in grado di condurvi alla scoperta del distretto gastronomico Oglio-Chiese. Un lembo di terra, quest’ultimo, racchiuso tra due fiumi, confinante con tre provincie, attraversato da due linee ferroviarie (Milano-Mantova / Brescia-Parma) e solcato da tante strade “basse”, sicure e selvagge, in grado di farvi prendere una boccata di quell’aria che sa di campagna, di fiori e di acqua dolce.

Copertina WEB

Un nuovo modo di concepire la natura e la gastronomia, luoghi capaci di farvi dimenticare il tempo e dove le stagioni rendono unico e inconfondibile il paesaggio.

Tanti consigli e indirizzi per mangiare, visitare, dormire, pedalare (e/o guidare) e comprare tutto il meglio che questa zona può offrire!

Quattro itinerari ciclo-turistici tra antiche vie romane, pievi, argini, chiese, castelli e architetture rinascimentali indimenticabili. Luoghi d’altri tempi ora facilmente esplorabilli grazie a questo efficace lavoro di “marketing territoriale” voluto da ristoratori, albergatori, pro-loco, comuni e aziende della zona.

Non uno ma cento motivi per farci una scappata pedalata!

La guida è sfogliabile e scaricabile gratuitamente dal sito www.ogliochiese.it  (download for free)

 

ChefToChef: l’intervento del presidente

Standard

Lunedì 20 Aprile, presso l’Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense, si è svolta la quarta edizione di ChefToChef il congresso gastronomico più importante di tutta l’Emilia Romagna a soli dieci giorni dall’inizio di EXPO2015. A questa edizione, oltre ai due veterani Alberto Bettini (Da Amerigo 1934, Savigno – BO) e Moreno Balzoni (ex Locanda al Gambero Rosso), ha preso parte anche Federico Malinverno (Caffè La Crepa di Isola Dovarese – CR) nonché presidente in carica delle PREMIATE TRATTORIE ITALIANE. La sua partecipazione ha avuto luogo in funzione della tavola rotonda dedicata alla RISTORAZIONE CHE QUALIFICA I LUOGHI, argomento nel quale la nostra associazione gioca un ruolo di fondamentale importanza per la ristorazione italiana. Il noto giornalista Andrea Petrini (nella foto al centro) ha moderato la discussione coinvolgendo tutti i partecipanti (nella foto da sinistra): Gennario Esposito (La Torre del Saracino di Vico Equense), Federico Malinverno (Presidente Premiate Trattorie Italiane). , Piergiorgio Parini (Povero Diavolo di Torriana), Davide Oldani (D’O di Cornaredo) Andrea Gnassi (sindaco di Rimini) e Angela Sini (produttrice di vino).

2015-04-20 12.31.15

 

“L’esperienza delle Premiate Trattorie Italiane a ChefToChef comincia dalla prima edizione quando sia la locanda al Gambero Rosso che Amerigo di Savigno vennero coinvolti in questo progetto. A tre anni di distanza dalla nascita ufficiale del nostro gruppo sono qua a raccontare questa idea di successo che, ad oggi, ha coinvolto otto eccellenti trattorie dislocate in tutta la penisola. Le nostre trattorie rappresentano la porta di accesso alla scoperta dei nostri territori, dei nostri fornitori e dei nostri paesaggi. Non abbiamo scelto dove nascere, cosa che oggi gli studi di mercato fanno per ogni nuova apertura, abbiamo semplicemente deciso il come promuovere la diversità gastronomica che contraddistingue il nostro Paese, salvaguardando lo stile, l’unicità dei luoghi e la tipicità delle ricette. Trattorie con la T maiuscola ci ha definito qualcuno, in realtà noi facciamo quel che sappiamo fare e cerchiamo di farlo nel migliore dei modi possibili. Il nostro è uno stile raffinato che unisce magistralmente sala, cantina e cucina. Abbiamo tanta voglia di fare. Ogni volta che ci incontriamo ci diamo regole nuove (menù a 50 €, gnocchi in carta tutto l’anno), cercando di delineare meglio il nostro ruolo come gruppo associativo e quello della TRATTORIA ITALIANA. Non puntiamo all’esportazione di prodotti, bensì all’importazione di clienti. Non abbiamo grandi obbiettivi di mercato da raggiungere, se non quello di dar seguito a questo progetto costituendo in futuro una vera e propria associazione, con un’adeguata gestione. Stiamo crescendo e questa giornata, per noi, rappresenta un’opportunità da sfruttare. ”

Federico Malinverno

20 Aprile 2015

2015-04-20 16.07.51

Moreno Balzoni, Marina e Alberto Bettini, Federico Malinverno e Giuliana Saragoni

Correva l’anno 2006

Standard

Rovistando tra i files di un vecchio PC abbiamo recuperato le due lettere con le quali i cinque fondatori delle Premiate Trattorie Italiane hanno avviato il progetto che oggi vede unite queste trattorie…la semplicità delle azioni, l’onestà delle parole, la voglia di diventare amici per costruire qualcosa insieme.

Botta…

Caro collega,

sono Franco Malinverno del Caffè La Crepa di Isola Dovarese (CR).

Come anticipato per telefono, abbiamo concordato con l’amico Alberto Bettini, titolare della trattoria da Amerigo di Savigno, di incontrarci il giorno 13 marzo presso Il Ristorante Ciacco a Bologna alle ore 10,30, dove saremo presenti noi tutti. Svolgeremo questo incontro proprio per poterci ritrovare insieme, e per poter discutere di eventuali forme di visibilità e immagine dei nostri locali. Sarà l’occasione per affrontare anche i problemi che giornalmente incontriamo nella nostra attività ed in questo particolare momento della ristorazione italiana. Ognuno di noi porterà delle idee e del materiale che possa risultare interessante per lo sviluppo di un’idea di collaborazione reciproca, questo vuole essere il primo di altri incontri che ci impegneremo di portare avanti. Ringraziando l’amico Alberto per averci dato la sua disponibilità nel trovare la giusta location a Bologna (facilmente raggiungile). Sperando di aver interpretato il desiderio di tutti nel ritrovarci , colgo l’occasione di salutarvi cordialmente.

F. Malinverno

e risposta…

Caro collega,
come accordo ti mando un sunto dell’incontro di Bologna.
L’incontro che si è svolto verso le 10:30 di lunedì 13 marzo è stato molto positivo, anche solo per il fatto di esserci incontrati e di aver preso confidenza tra di noi. Il risultato è stato l’affioramento di quella grande voglia che ci accomuna nell’ intraprendere questo meraviglioso percorso.
Alla fine non abbiamo concretizzato e dato soluzioni a tutte le idee, ma il solo fatto che siamo riusciti ad individuare i punti precisi che ci accomunano è stato molto positivo.
Trovare il nome ci riesce difficile, le proposte sono state tante e tutte molto interessanti come: I Luoghi; Il mondo delle osterie; Luoghi, Trattorie e Cultura; La Trattoria; NOI (il cuore della CUCINA ITALIANA), La Cucina dei campanili d’Italia; le PATRIE della trazione… a ognuno spetta il compito di avanzare nuove proposte etc. etc.
Si è discusso anche di fissare delle regole che possano formare uno statuto che regolamenti l’associazione e i suoi eventuali partecipanti, in modo da trovare i parametri di appartenenza per poter eventualmente allagare il numero degli associati.
Altro punto trattato è stato la progettazione di un sito internet dell’associazione e di un piccolo “catagolo” da distribuire nei nostri locali in una sorta di bigliettino da visita comune.
Fondamentalmente abbiam parlato di queste cose perchè di idee ne sono uscite tantissime e se solo riuscissimo a mantenerci in contatto, l’uno con l’altro via e-mail, sarà per noi più facile creare una sinergia di idee in modo che i prossimi incontri vadano via via concretizzandosi.
Il Lunedì sera del Vinitaly rappresenta una data potenziale per un nuovo incontro magari mezzora prima della cena in un locale di Verona, che il nostro amico veneto ci troverà.
Ora non ci resta che tirar fuori le idee nuove e proseguire il cammino appena iniziato.
Le intenzioni sono tante, le idee pure… e allora non ci resta che iniziare insieme.. VIA!

…le PREMIATE TRATTORIE ITALIANE sono nate così, semplicemente così!!!

The difference between story and history…

Standard

Ci sarà anche David Colom de l’Hostalet (Hostalets d’en Bas – ES) al Caffè La Crepa.

Da sinistra: David Colom, Federico Malinverno (Caffè La Crepa)

Leggi il resto di questa voce